Fiscalità

Perché la formazione è la chiave per garantire il futuro della blockchain

La domanda sempre crescente di competenze di lavoro in riferimento al settore della blockchain in tutti i campi continua a crescere, si prevede che per ogni sviluppatore blockchain ci sono 14 nuove opportunità di lavoro.

Condividi l'articolo

Oggi, quasi la metà delle 50 migliori università del mondo offre almeno un corso in cripto valuta o blockchain nei loro cataloghi formativi

Un gigantesco salto in avanti. Ma con la tecnologia emergente al culmine dell’utilizzo tradizionale, è sufficiente?

La domanda sempre crescente di competenze di lavoro in riferimento al settore della blockchain in tutti i campi continua a crescere, si prevede che per ogni sviluppatore blockchain ci sono 14 nuove opportunità di lavoro.

Mentre i dirigenti apicali si mobilitano per attuare soluzioni blockchain nei loro rispettivi settori, le iniziative formative sono più che mai necessarie, non solo per migliorare la forza lavoro del futuro, ma per informare gli stessi decision maker, in quanto la confusione tra i dirigenti della C-suite continua a essere un ostacolo per scegliere il percorso più adatto per l’adozione di massa della tecnologia blockchain.

Formare non solo per il presente ma per il futuro.

La richiesta di sviluppatori blockchain è aumentata negli ultimi anni poiché la tecnologia ha acquisito credibilità agli occhi dei players tradizionali. L’offerta iniziale di talenti si è rivelata insufficiente e con questa  insufficienza è arrivata la sfida di attirare gli sviluppatori con pacchetti e benefit remunerativi più lucrativi. Oggi uno sviluppatore esperto può arrivare a guadagnare anche uno stipendio annuo di oltre 200.000 USD .

Per coloro che desiderano implementare soluzioni basate su blockchain, i costi alle stelle associati all’assunzione sono di fatto un ostacolo.

Tuttavia, nel 2018, un rapporto Upwork ha rilevato che la tecnologia blockchain ha conquistato il primo posto come l’abilità in più rapida crescita nel primo trimestre, con una crescita di oltre il 6.000% annuo.

Gli sviluppatori e i talenti che entrano nel settore sono stati allettati in parte dal potenziale della tecnologia, ma anche dai lucrosi vantaggi finanziari. L’ascesa di laboratori di blockchain come Blockchain a Berkeley o il Centro CRYSTAL (Cryptocurrency Strategy, Techniques and Algorithms) della National University di Singapore ha espresso la determinazione per le comunità accademiche di convergere con l’industria blockchain e criptovaluta al fine di promuovere un dialogo ed un confronto su la mancanza di iniziative blockchain a supporto nell’istruzione superiore.

Creando una comunità aperta di accademici, leader di pensiero ed esperti, unita alla competenza nel mondo reale dei progetti esistenti, l’educazione blockchain può proseguire a posizionarsi come una vera necessità.

Allo stesso tempo, le offerte di corsi sono spuntate in numerose istituzioni di istruzione superiore, non solo incentrate sulla crittografia e sulla sicurezza informatica, ma anche su argomenti tanto esoterici quanto legati all’“Antropologia del denaro”.

Sviluppando corsi incentrati sulle implicazioni finanziarie, legali e sociali della blockchain, le istituzioni sono in grado di coltivare un pool di talenti più ampio, armato di competenze e intuizioni interdisciplinari.

Con questo approccio, la forza lavoro del domani potrà essere pronta ad affrontare le sfide del settore, mentre viene soddisfatta la domanda sempre crescente di professionisti esperti di blockchain.

Oltre “l’innovazione per l’innovazione”

I problemi nell’implementazione della blockchain vanno oltre la scarsità di capacità. I dirigenti possono avere obiettivi ambiziosi per adottare un approccio innovativo alla tecnologia, ma, in quanto responsabili delle decisioni, anche loro devono comprendere la blockchain.

Secondo il sondaggio condotto da Global Blockchain Business Council sugli investitori istituzionali, il 63% degli intervistati ritiene che i dirigenti di grandi società abbiano una scarsa conoscenza della blockchain. Questa mancanza di conoscenza può servire a scoraggiare gli investitori che cercano di entrare nel settore.

Oltre ai corsi costruiti per studenti universitari e post-universitari, le università hanno ugualmente dedicato del tempo a sviluppare programmi di studio per dirigenti e per professionisti che desiderano approfondire le proprie conoscenze sulla blockchain.

Le istituzioni che vanno dall’University College di Londra (UCL) alla Wharton School of Business della University of Pennsylvania hanno sviluppato corsi rivolti specificamente ai manager alla ricerca di capacità imprenditoriali nella tecnologia blockchain. Oltre ai fondamentali della tecnologia, i corsi esplorano casi d’uso, modelli di business e normative a livello globale.

Tuttavia, al di fuori del percorso formativo, i dirigenti hanno anche la possibilità di partecipare a consorzi aziendali dedicati all’esplorazione della tecnologia blockchain in un settore specifico. Queste reti collaborative consentono alle aziende di sperimentare la tecnologia in base a obiettivi condivisi.

Interpretando un ruolo nella definizione degli standard e nello sviluppo di infrastrutture per un uso specifico della blockchain, i consorzi generano effetti di rete positivi, generando una maggiore utilità della tecnologia nel suo insieme, mentre educano i membri.

La leadership senior deve imparare a svilupparsi oltre la mentalità del “vantaggio del first mover” – dimostrando che la comprensione della blockchain va al di là della comprensione della tecnologia, ma è una consapevolezza di quanto la sua implementazione è sia vitale che necessaria.

Oltre la formazione – Come dovrebbe muoversi l’Europa?

Le iniziative di educazione blockchain danno anche luogo a maggiori opportunità di ricerca e sviluppo che possono guidare una crescita maggiore per l’industria blockchain nel suo complesso.

I centri Fintech e blockchain di tutto il mondo – tra cui Singapore, San Francisco e Londra – hanno dato vita a laboratori di blockchain universitari che fungono da pilastri per l’innovazione, la ricerca e lo sviluppo. Tali hub sono pronti ad affrontare i problemi e le limitazioni esistenti nel settore con un approccio più tecnico e basato sulla ricerca.

Accoppiato con il supporto istituzionale di organismi accademici e il sostegno di imprese e organismi governativi, questi laboratori presentano una riflessione a tutto tondo dell’industria e forniscono accesso a una gamma più ampia di risorse che sono di natura finanziaria, consultiva e accademica.

L’innovazione è radicata nello spingere i confini del concreto, non nella speculazione. In definitiva, l’educazione è fondamentale per colmare il divario tra le promesse tecnologiche che la blockchain spera di soddisfare e l’attuale carenza di talenti che ne ostacola l’attuazione.

Man mano che più players continuano a entrare nello spazio della blockchain, i loro continui investimenti nello sviluppo delle risorse permetteranno una crescita sostenuta, l’innovazione e un interesse duraturo di un pubblico più ampio al di là dei settori legati alla criptosfera.

L’Europa sembrerebbe più focalizzata a rafforzare gli aspetti normativi che quelli formativi, e quest’approccio potrebbe posizionarla in ritardo rispetto ad altri ecosistemi che invece stanno puntando la loro attenzione più sullo sviluppo e la consapevolezza della tecnologia che sugli aspetti legali.

Condividi l'articolo

info autore

Sergio Passariello

Sergio Passariello

Blogger, consulente aziendale ed imprenditore