La Camera di Commercio di Malta ha chiesto la creazione di un fondo di emergenza per salvaguardare le attività economiche maltesi che vivono difficoltà legate all’emergenza coronavirus.

La Camera si è fatta portavoce delle preoccupazioni della comunità imprenditoriale in relazione alla situazione del virus Covid19 che si sta sviluppando a livello internazionale, e di come l’incertezza che ne deriva abbia già oggi un effetto negativo sugli affari.

Secondo il presidente, David Xuereb, alcuni settori sono già stati colpiti dall’emergenza: basti pensare alle paure legate ai viaggi o alle restrizioni che hanno portato a numerose cancellazioni di prenotazioni in ambito turistico.

Al fine di mitigare questa situazione, durante l’incontro con tutte le altre parti sociali e vari alti funzionari del servizio pubblico, la Camera di Malta insieme alle altre organizzazioni dei datori di lavoro, ha proposto l’istituzione di un fondo di emergenza per sostenere e salvaguardare le imprese che potrebbero trovarsi di fronte a nuove sfide nelle settimane e nei mesi a venire a causa del coronavirus.

Il presidente ha dichiarato: “Dobbiamo garantire, come abbiamo fatto in passato in situazioni di crisi di portata globale, che le nostre imprese siano in grado di resistere alla tempesta e uscirne in piena forma“.

La Camera di Malta ha infine ribadito la posizione, condivisa con le organizzazioni dei datori di lavoro, di assicurare il diritto a tutti i dipendenti maltesi, indipendentemente dal fatto che siano impiegati nel settore pubblico o privato, di un congedo di quarantena retribuito dal governo, a determinate condizioni.