Il primo ministro Robert Abela ha annunciato un pacchetto di misure economiche per le imprese colpite dall’emergenza Covid-19, per aiutare in particolare i datori di lavoro e i lavoratori autonomi con problemi di flusso di cassa.

Le misure annunciate dal premier maltese Includono il rinvio della provisional tax per le imprese, del versamento dell’Iva e dei contributi previdenziali (social security contributions) sia per i lavoratori autonomi che per i datori di lavoro, per i mesi marzo e aprile. Anche le società che hanno investito in programmi di telelavoro riceveranno rimborsi sui loro investimenti.

Il governo accelererà inoltre i pagamenti di rimborso dell’IVA alle imprese.

Queste sono misure forti che avranno un impatto positivo sulle imprese per salvaguardare l’occupazione. Non sono misure facili, ma la nostra economia è resiliente e le nostre finanze sono stabili. Questo governo è sempre stato preparato per questo giorno di pioggia. È davvero con noi” ha detto Abela.

Abela ha affermato che il governo ha già dialogato con le parti sociali, la Camera di commercio, le PMI, l’associazione di hotel e ristoranti di Malta e altre associazioni di categoria. Il pacchetto economico è principalmente rivolto alle imprese del turismo e dell’ospitalità, servizi ricreativi, e alcune industrie manifatturiere.

Robert Abela ha inoltre riferito che il consiglio dei suoi esperti – finora – non è quello di decretare il un blocco totale come ha fatto l’Italia. Sarebbe infatti un arresto domiciliare della durate di intere settimane, se non per l’acquisizione di cibo e medicinali. Se necessario il Governo provvederà a farlo, ma intanto ha preferito adottare altre misure comunque piuttosto drastiche, come una quarantena di 14 giorni per tutti i viaggiatori in arrivo a Malta. E i numeri ancora contenuti di contagiati dimostrano che il Governo, probabilmente, si sta muovendo nella giusta direzione.