martedì, Febbraio 7, 2023
spot_imgspot_img
HomeFocusFinanziamentiUK abbandona Erasmus+. Grande opportunità per Malta.

UK abbandona Erasmus+. Grande opportunità per Malta.

Ormai è ufficiale, la perdita dell’accesso del Regno Unito al programma Erasmus+ dopo la Brexit ha suscitato tristezza e rabbia diffuse nel Regno Unito. 

Le reazioni hanno spaziato da “Erasmus mi ha cambiato la vita” a “farà un buco nell’economia del Regno Unito”, “molti datori di lavoro inglesi hanno apprezzato profondamente il tipo di esperienza internazionale che il programma Erasmus aiutava a promuovere” e si sono rammaricati per aver perso questa possibilità di “essere visti come un paese aperto, tollerante e accogliente per il resto del mondo”.

C’è stata anche una simpatica reazione internazionale alla caduta della partecipazione all’Erasmus.

Ma il governo del Regno Unito ha da subito puntato sulla sua visione pro-sovranità per un’alternativa “Gran Bretagna globale” a Erasmus+ in modo che gli studenti “abbiano l’opportunità non solo di andare nelle università europee, ma anche nelle migliori università del mondo”.

Il nuovo programma ha preso il nome dal matematico britannico Alan Turing, che ha guidato il riuscito tentativo in tempo di guerra di decifrare il famoso codice nazista Enigma (risalente alla seconda guerra mondiale). La promessa del primo ministro britannico Boris Johnson, nel gennaio 2020, era stata “che Erasmus era al sicuro è stato dimenticato.”

Questa iniziativa fu lanciata con l’affermazione che il programma di Turing doveva essere “un programma veramente internazionale … incentrato sulle nostre priorità, offrendo un reale valore per il denaro e formando una parte importante della nostra promessa di far salire di livello gli Stati Uniti Regno”.

Per Universities UK, che rappresenta le università presso il governo inglese, è un enorme sollievo che il governo Johnson abbia finanziato in passato la mobilità in uscita per un importo di £ 100 milioni (US $ 135,6 milioni) nel primo anno per 35.000 studenti a tutti i livelli di istruzione.

A titolo di confronto e statistiche dal 2018, i fondi Erasmus + dell’UE per il Regno Unito hanno coperto 49.000 studenti (17.000 britannici in uscita e 32.000 in arrivo) e oltre 7.000 dipendenti, per un costo di circa 160 milioni di euro (194,4 milioni di dollari). Il dettaglio può essere trovato qui.

Un gioco a due livelli

In generale c’è poco incontro di menti tra i sostenitori di Erasmus e Turing. Anche la storia di come e perché Erasmus + è uscito dai negoziati sulla Brexit si presenta in due versioni. Erasmus+ era stato abbandonato il 14 dicembre. Fu allora che Michel Barnier, il capo negoziatore dell’UE per la Brexit, disse al Parlamento europeo di aver chiuso il capitolo su Erasmus+ “perché non c’è accordo”.

La parte britannica ha subito affermato che la partecipazione al prossimo programma dal 2021 al 27 era ancora oggetto di trattative. Eppure, 10 giorni dopo, il 24 dicembre, l’ accordo di commercio e cooperazione UE-Regno Unito ha rivelato che il Regno Unito avrebbe pagato per partecipare ai seguenti grandi programmi: Horizon Europe, il programma EURATOM di ricerca e formazione, l’impianto di prova di fusione ITER e Copernicus Programma, così come l’accesso ai servizi di sorveglianza e monitoraggio spaziale dell’UE. Ma non Erasmus +. Due giorni dopo, il programma di Turing è stato svelato.

Le prove suggeriscono che gli inglesi stavano giocando un gioco a due livelli per tutto il tempo. L’UE stava perseguendo la logica collaudata di negoziare la partecipazione di paesi terzi ai suoi programmi per Erasmus + e Horizon. Il punto di partenza era che il Regno Unito doveva iscriversi all’intero programma settennale Erasmus + e pagare una quota associativa basata su un calcolo del PIL.

La cauta reazione del Regno Unito è stata quella di dire che avrebbe “preso in considerazione le opzioni per la partecipazione a elementi di Erasmus+ su base limitata nel tempo, a condizione che i termini fossero nell’interesse del Regno Unito”.

Un argomento imperfetto

Il primo ministro britannico Boris Johnson spiegò che la decisione di abbandonare Erasmus+ era dovuta al fatto che il programma era estremamente costoso.

Basando la sua argomentazione sul fatto che il programma Erasmus+ ha finanziato 49.000 studenti (17.000 britannici in uscita, 32.000 in arrivo) e oltre 7.000 dipendenti, ha presentato il Regno Unito come “un enorme contributo netto all’economia dell’istruzione superiore del continente perché negli ultimi decenni avevamo così tanti cittadini dell’UE, che è stata una cosa meravigliosa, ma i nostri accordi fanno sì che l’erario del Regno Unito più o meno perda sull’accordo”.

L’argomento di Johnson non reggeva. Anche in termini di pura contabilità che si rivolgono al governo e ad alcuni vice cancellieri, va notato che gli studenti in arrivo sono consumatori, che contribuiscono alle economie locali e quindi al PIL del Regno Unito attraverso i consumi.

Come la Camera dei Lord avvertì nel 2019, che un programma sostitutivo di Erasmus+ sarebbe stato molto costoso da creare.

Ostilità da Brexiteer

È più fruttuoso chiedersi perché il governo britannico voleva un’alternativa.

Nel corso dei suoi 30 anni di vita, Erasmus – che nel 2014 si è evoluto in Erasmus+ – ha semplificato la mobilità per l’apprendimento, inventato modelli di cooperazione educativa e esteso il suo approccio allo sport e al settore giovanile.

Offre economie di scala per borse di mobilità Erasmus+, master congiunto lauree, progetti di cooperazione tra cui il rafforzamento delle capacità nelle alleanze della conoscenza con le imprese, partenariati collaborativi nel campo dello sport e riforma delle politiche con un focus sui giovani, le principali vittime del COVID-19.

Il programma finanzia anche la ben accolta European Universities Initiative .

Eppure i Brexiteers all’interno e intorno al governo del Regno Unito hanno a lungo odiato aspetti del programma Erasmus+. La loro bestia nera è il programma Jean Monnet progettato per sviluppare gli studi dell’UE in tutto il mondo. Lo classificano come propaganda. Non amano nemmeno il Corpo europeo di solidarietà , un portale per le organizzazioni di volontariato e tirocinanti, che offre opportunità di coinvolgimento in progetti civici e ambientali che, forse a un orecchio della Brexit, suonavano come aiuti stranieri.

L’ostilità può essere fatta risalire a un gruppo molto piccolo di parlamentari conservatori che hanno iniziato la loro campagna per la Brexit con l’opposizione al Trattato di Maastricht del 1992, sulla base di un incrollabile attaccamento a ciò che vedevano come sovranità britannica. La loro influenza è stata enorme nel governo di Boris Johnson.

E dopo? Che succede ora?

Ma ora che il programma di Turing è ufficiale, dovrà fare appello a una più ampia gamma di opinioni.

Il governo del Regno Unito definisce il Turing Scheme “un programma di mobilità globale” per gli studenti di una varietà di istituzioni: università, scuole e college.

È stato lanciato nel marzo 2021 per sostituire Erasmus+ e i primi studenti di Turing sono andati all’estero nel settembre dello scorso anno e Londra ha già garantito il finanziamento del programma fino al 2025.

A differenza di Erasmus+, il Turing Scheme non è concepito per creare accordi di reciprocità.

Ciò significa che, in effetti, gli studenti europei non possono venire nel Regno Unito per un tirocinio di studio a meno che lo scambio non sia organizzato da singole università al di fuori del programma.

In realtà è previsto che il numero di studenti europei che verranno nel Regno Unito diminuirà nel tempo, dato che ora dovranno pagare tasse molto più alte rispetto a prima.

Per gli studenti britannici, ci sono anche molte differenze notevoli tra Turing e il suo predecessore europeo.

In primo luogo, a differenza di Erasmus+, che era principalmente incentrato sull’Europa, Turing offre finanziamenti agli studenti per andare più lontano.

Inoltre Turing è stato pubblicizzato come uno “schema mondiale” e che “per molti studenti, questa mappa più grande può essere attraente e gli Stati Uniti, il Canada, Hong Kong, ecc. Sono state le prime destinazioni popolari”.

In secondo luogo, il governo del Regno Unito ha promesso a Turing di ” migliorare la mobilità sociale rivolgendosi agli studenti provenienti da contesti e aree svantaggiate”.

Progetti Erasmus+ esistenti

Tutti i progetti selezionati nell’ambito del programma Erasmus+ 2014-2020 continueranno ad essere operativi fino al loro completamento sulla stessa base in base alla quale sono stati selezionati.

Molti progetti di cooperazione e scambio Erasmus+ sono pluriennali e sono finanziati in genere da due a quattro anni. Ciò significa che alcuni di questi progetti e partenariati esistenti che coinvolgono partner del Regno Unito o sono aperti a persone del Regno Unito continueranno sulla base di queste regole 2014-2020, quando il Regno Unito era un paese aderente al Programma.

Vedremo quindi una sovrapposizione man mano che i progetti di cui sopra esauriranno gradualmente o esauriranno tutti i loro fondi, mentre i nuovi progetti selezionati dal 2021 in poi inizieranno a essere operativi nell’ambito del nuovo programma.

Malta, può trarne benefici?

Con la sua lingua ufficiale, l’Inglese, ed il suo ecosistema educativo in grande crescita, Malta può candidarsi come nuovo polo attrattivo per i programmi Erasmus+.

Sono sempre più numerose le Istituzioni educative a scegliere un partner maltese per la presentazione di progetti finanziati dal programma.

Hai bisogno di un partner per il tuo progetto Erasmus+? Malta Business può aiutarti ad individuare quello più adatto alle tue esigenze e non solo.

Se il progetto che intendi presentare ha la necessità di avere più partner collocati in più nazioni elegibili, il nostro team potrà individuare potenziali partner anche in altre nazioni.

Per informazioni compila ed invia il form, sarà ricontattato prima possibile.

DISCLAIMER

Questo articolo fornisce solo informazioni generali e non sostituisce in alcun modo la consulenza professionale. Si raccomanda di consultare un professionista qualificato prima di prendere qualsiasi decisione importante in merito a questioni finanziarie, legali o di altro tipo. L'autore e la pubblicazione non sono responsabili per eventuali errori o danni causati dall'utilizzo delle informazioni contenute in questo articolo.

Caterina Passariello
Caterina Passariello
Presidente della Camera Canadese in Italia, un'associazione no-profit che mira a rafforzare le relazioni tra aziende e professionisti canadesi e italiani. Capo d'Istituto della Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade di Malta. Consulente aziendale e project manager con specializzazione nei processi di internazionalizzazione delle imprese. Laurea magistrale in Ingegneria gestionale, con una tesi su come cambia la tracciabilità della supply-chain con la Blockchain, con particolare attenzione alla Supply-Chain agroalimentare. Interessato a internazionalizzazione, blockchain, dlt, smart contract.
Siamo partner dispot_img
spot_img
spot_img

Lo schema di finanziamento MicroInvest, esteso per il 2023

Lo schema MicroInvest, gestito da Malta Enterprise, viene esteso alle imprese che investono in sistemi per supportare i clienti con disabilità.

LIFE FOSTER  pubblicati i risultati del progetto per prevenire lo spreco alimentare

l'Istituto del Turismo ed il Malta Business Bureau di Malta coinvolto nel progetto life foster per ridurre la percentuale degli sprechi alimentari nel settore della ristorazione.

L’incentivo fiscale per l’impiego di personale altamente qualificato

Lo sviluppo e l'espansione delle industrie basate sulla conoscenza richiedono la disponibilità di risorse umane. Tali risorse possono essere sviluppate attraverso l'istruzione e la...

speciale finanziamenti
Scopri le novità nella sezione dedicata