Economia

A Malta la prima connessione quantistica sottomarina

Redazione
Written by Redazione

Sperimentato con successo il collegamento via mare da parte di scienziati austriaci

Condividi l'articolo

Ha avuto successo l’esperimento realizzato tra Malta e la Sicilia per la trasmissione sottomarina di informazioni attraverso un innovativo sistema di crittografia quantistica.

Le informazioni per un web a prova di intercettazioni sono state trasferite tramite polarizzazione utilizzando copie di fotoni, ossia particelle di luce intrecciate.

A condurre l’esperimento, avvenuto in corrispondenza di una stazione di comunicazione presente sulle coste maltesi, è stato un team internazionale, guidato da Rupert Ursin e Anton Zeilinger dell’Institute for Quantum Optics and Quantum Information Vienna (Iqoqi), dall’Accademia austriaca delle scienze (Öaw) e dall’Università di Vienna.

Durante l’esperimento sono stati trasmessi quattro bit di informazioni al secondo. Se qualcuno provasse a leggere le informazioni inviate dalla particella di luce durante il suo viaggio, lo stato della particella cambierebbe immediatamente a causa delle leggi fisiche applicate. Un simile tentativo di intercettazione l’avrebbe fatta esplodere.

Gli scienziati sono rimasti sorpresi dalla elevata stabilità del metodo individuato, giudicata “inaspettatamente alta”. È stato possibile mantenere la connessione su lunga distanza e senza ulteriore stabilizzazione, per un periodo di tempo superiore a sei ore. Ciò dimostra il “forte potenziale, soprattutto in relazione alle infrastrutture di telecomunicazione convenzionali, per la creazione di una rete quantistica del futuro”. Oltre ai satelliti, i cavi in fibra ottica avrebbero un ruolo importante nell’imminente costruzione di un’infrastruttura a prova di intercettazione.

Molte delle connessioni in fibra ottica di oggi si trovano sul fondo dell’oceano. Grazie a questo esperimento ora è certo che questi cavi si adattano perfettamente anche al trasferimento di stati quantici”, ha dichiarato il professore Ursin.

Condividi l'articolo

About the author

Redazione

Redazione