domenica, Maggio 19, 2024
spot_imgspot_img
HomeEconomiaBrexit, Malta baricentro geopolitico ed economico tra Commonwealth, Magreb ed EU

Brexit, Malta baricentro geopolitico ed economico tra Commonwealth, Magreb ed EU

Laboratorio d’innovazione, centro finanziario, hud educativo questi i prossimi obiettivi di Malta, che grazie alla sua storia, ad i sui rapporti commerciali, alla sua piccola e dinamica struttura burocratica potrebbe diventare la naturale cerniera di collegamento, tra il progetto “Empire” del Regno Unito post Brexit, le comunità nord africane ed il sogno degli Stati Uniti d’Europa.

E’ quanto emerge da un approfondimento, promosso da IREPI – Istituto di Ricerca di Economia e Politica Internazionale e curata d’analista strategie d’impresa, Sergio Passariello sul ruolo che l’isola del Mediterraneo potrebbe svolgere nel prossimo futuro.

La storia di Malta, la sua collocazione geografica e politica, l’adesione alla rete del Commonwealth, consentono al piccolo Stato Europeo di poter giocare un ruolo importante nella gestione dei rapporti post Brexit con il Regno Unito e con gli Stati che, per cultura e giurisdizione, sono collaterali.

Per l’Europa ed in particolare l’Italia, la necessità di difendere queste prerogative che potrebbero fare la differenza nello scacchiere economico-commerciale internazionale, alla luce degli ultimi avvenimenti che vedono Stati Uniti, Cina e Russia contendersi la leadership.

L’approfondimento completo è possibile leggerlo collegandosi al seguente link:

L’occasione per rilanciare questo ruolo potrebbe essere la prossima riunione del Commonwealth, che si terrà a Londra nel mese di Aprile 2018. Non a caso l’edizione di quest’anno a distanza dello scorso evento, che si tenne a Malta nel 2015, si farà nel Regno Unito, prima della data annunciata dal Primo Ministro inglese dell’uscita della Gran Bretagna dall’Europa.
Va ricordato che Malta, oltre ad avere avuto la Presidenza della Comunità Europea nel primo semestre 2017, ha ancora la Presidenza del Commonwealth ed in occasione dell’ultimo incontro alle Nazioni Unite nel mese di settembre 2017, il primo ministro britannico Theresa May ha dichiarato che con Malta presidente del Commonwealth, l’organizzazione ha iniziato un importante processo di rigenerazione.
Malta Business, insieme al Consorzio Euromed, segue con attenzione l’evoluzione degli eventi, nell’ottica di organizzare la partecipazione di una delegazione di imprese italiane al prossimo Commonwealth Business Forum 2018.

DISCLAIMER

Questo articolo fornisce solo informazioni generali e non sostituisce in alcun modo la consulenza professionale. Si raccomanda di consultare un professionista qualificato prima di prendere qualsiasi decisione importante in merito a questioni finanziarie, legali o di altro tipo. L'autore e la pubblicazione non sono responsabili per eventuali errori o danni causati dall'utilizzo delle informazioni contenute in questo articolo.

Sergio Passariello
Sergio Passariello
Fondatore della rete "Malta Business", una rete di consulenza, sviluppo e organizzazione aziendale a Malta nonchè CEO di Euromed International Trade che si occupa internazionalizzazione del business e sviluppo commerciale. CEO dell'Accademia Mediterranea di Cultura, Tecnologia e Commercio con sede a Malta, istituto di istruzione superiore autorizzato da MFHEA. Fondatore del CETA BUSINESS FORUM e del CETA BUSINESS NETWORK, il primo ecosistema digitale imprenditoriale per valorizzare i rapporti tra Europa e Canada.

1 COMMENTO

I commenti sono chiusi.

Siamo membrispot_img
spot_img

Programma Interreg Italia-Malta 2021-2027: una nuova era di cooperazione transfrontaliera

La nuova iniziativa Interreg cruciale per lo sviluppo socio-economico nel cuore del Mediterraneo, per promuovere innovazione, sostenibilità ambientale e ricchezza culturale.

Horizon Europe: Nuovi Bandi da Oltre 290 Milioni di Euro per Innovazione Digitale e Spaziale

La Commissione Europea lancia i bandi Horizon Europe con un budget di oltre €290 milioni per promuovere l'innovazione digitale, spaziale e industriale.

Bando Europa Creativa 2024: Finanziamenti per Progetti Culturali Transnazionali

Aperto il bando Europa Creativa 2024, offre finanziamenti a progetti culturali transnazionali con un focus su innovazione, inclusione sociale e digitalizzazione. Scadenza: 23 gennaio 2024.

speciale finanziamenti
Scopri le novità nella sezione dedicata