giovedì, Luglio 18, 2024
spot_imgspot_img
HomeAccordi bilateraliCooperazione commerciale: accordo Malta-Ruanda

Cooperazione commerciale: accordo Malta-Ruanda

Intesa sancita in un incontro virtuale

La federazione del settore privato del Ruanda (PSF) ha firmato un memorandum d’intesa con la Camera di Commercio, dell’Imprenditoria e dell’Industria di Malta (Mccei) per promuovere il commercio e gli investimenti tra i due Paesi.

Il nuovo accordo di cooperazione dovrebbe facilitare lo sviluppo degli scambi commerciali e della cooperazione economica tra le aziende ruandesi e maltesi.

Malta è un paese dell’Europa meridionale situato nel Mediterraneo centrale tra la Sicilia e la costa nordafricana. La nazione insulare vanta vaste opportunità, soprattutto nei suoi settori in espansione del turismo, dell’informatica e dei servizi finanziari” riporta il quotidiano online AllAfrica nell’annunciare l’intesa.

La cerimonia della sottoscrizione si è svolta virtualmente a causa della pandemia globale da Covid-19. Presenti l’Alto Commissario ruandese per il Regno Unito, S.E. l’ambasciatore Yamina Karitanyi, S.E. l’ambasciatore maltese designato per l’Etiopia e l’Unione Africana, Ronald Micallef, e Stephen Ruzibiza, amministratore delegato di PSF. Quest’ultimo ha elogiato l’accordo, certo che incrementerà le opportunità di investimento all’interno dei due Paesi.

Per approfondimenti o consulenze sulle opportunità di investimento in Africa affidati a Malta Business Agency. Contatta i nostri uffici compilando il seguente form:

Il Ruanda ha un ambiente favorevole agli investimenti, e il memorandum sottoscritto aprirà opportunità per ulteriori accordi tra le singole aziende dei due paesi. Gli investitori ruandesi e maltesi hanno anche accettato di scambiarsi informazioni in ambito economico, commerciale, legislativo o relative a fiere ed esposizioni organizzate nelle loro rispettive regioni.

Parlando a nome della Camera di di Commercio di Malta, il Presidente Perit David Xuereb ha osservato che l’attuale crisi globale non dovrebbe ostacolare l’attuazione immediata dell’accordo, che in una prima fase si concentrerà sugli incontri virtuali business-to-business.

“Essendo uno dei più piccoli paesi del mondo con mezzo milione di abitanti, Malta ha un settore industriale fiorente con oltre 200 aziende manifatturiere straniere e circa 400 locali. I prodotti realizzati a Malta vengono esportati in tutto il mondo. Essi comprendono elettronica, prodotti farmaceutici e medicinali, gomma e plastica, metalli e macchinari fabbricati, software, abbigliamento e prodotti alimentari tra gli altri” ha concluso Xuereb.

DISCLAIMER

Questo articolo fornisce solo informazioni generali e non sostituisce in alcun modo la consulenza professionale. Si raccomanda di consultare un professionista qualificato prima di prendere qualsiasi decisione importante in merito a questioni finanziarie, legali o di altro tipo. L'autore e la pubblicazione non sono responsabili per eventuali errori o danni causati dall'utilizzo delle informazioni contenute in questo articolo.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
Siamo membrispot_img
spot_img

Programma Interreg Italia-Malta 2021-2027: una nuova era di cooperazione transfrontaliera

La nuova iniziativa Interreg cruciale per lo sviluppo socio-economico nel cuore del Mediterraneo, per promuovere innovazione, sostenibilità ambientale e ricchezza culturale.

Horizon Europe: Nuovi Bandi da Oltre 290 Milioni di Euro per Innovazione Digitale e Spaziale

La Commissione Europea lancia i bandi Horizon Europe con un budget di oltre €290 milioni per promuovere l'innovazione digitale, spaziale e industriale.

Bando Europa Creativa 2024: Finanziamenti per Progetti Culturali Transnazionali

Aperto il bando Europa Creativa 2024, offre finanziamenti a progetti culturali transnazionali con un focus su innovazione, inclusione sociale e digitalizzazione. Scadenza: 23 gennaio 2024.

speciale finanziamenti
Scopri le novità nella sezione dedicata