Accordi bilaterali Commercio

Euromed. Dopo 30 anni riparte la commissione mista maltese-algerina

Area Euromed – Il Ministro degli affari esteri e della promozione commerciale di Malta Carmelo Abela e il suo omologo algerino Abdelkader Messahel hanno concordato di avviare i preparativi necessari per il rilancio della Commissione mista Malta-Algeria.

La commissione congiunta, fu istituita per fungere da forum al fine di discutere della cooperazione tra i due paesi in una serie di settori, ed è stata convocata per l’ultima volta nel 1988.

I due ministri hanno discusso degli ultimi sviluppi nella regione e le modalità per consolidare ulteriormente le relazioni esistenti tra i due paesi. Il loro incontro si è svolto a margine della 14a Conferenza ministeriale del “5+5 Dialoque” del Mediterraneo occidentale, che si è svolto domenica 21 gennaio ad Algeri.

“Questo sviluppo è una vera testimonianza dell’importanza che i nostri due paesi danno alla costruzione di una più stretta collaborazione“, ha affermato il ministro Abela. “Dimostra inoltre la nostra buona volontà di amplificare le interazioni commerciali, i partenariati e le joint venture, in particolare in seguito alle visite di scambio a diversi livelli tenutisi negli ultimi anni e mantenere lo slancio sul rafforzamento delle relazioni bilaterali non solo a livello politico e commerciale ma anche sotto l’aspetto tecnico e, soprattutto, a livello di base “.

Durante la 14° Conferenza, Malta è stata scelta per succedere alla Francia assumendo, per i prossimi due anni, la co-presidenza settentrionale del Gruppo di lavoro. Durante questo periodo, Malta ospiterà la XV Conferenza ministeriale. L’ultima volta che Malta ha assunto questa co-Presidenza è stato nel 2005.

L’iniziativa “5+5 Dialogue” riunisce cinque paesi europei e cinque paesi africani del Mediterraneo occidentale, Mauritania, Marocco, Algeria, Tunisia e Libia del margine meridionale, e Portogallo, Spagna, Francia, Italia e Malta sulla sponda settentrionale, per il dialogo informale tra i paesi membri che costituisce un vero e proprio laboratorio di idee in cui affrontare questioni come la sicurezza e la stabilità, l’integrazione economica e la migrazione regionale. La discussione comprende la presenza di altri attori che possono sviluppare argomenti a un livello più alto e più tangibile.

Oltre ai ministri degli esteri dei dieci Stati partecipanti, alla 14a Conferenza ministeriale ha partecipato anche il Commissario europeo per la politica europea di vicinato e i negoziati sull’allargamento Johannes Hahn (che rappresenta l’alto rappresentante dell’UE per la politica estera e della sicurezza comune nonchè vicepresidente della Commissione), il segretario generale dell’Unione per il Mediterraneo Fathallah Sijilmassi, il segretario generale dell’Unione del Maghreb arabo Taieb Baccouche e il presidente della Fondazione Anna Lindh Elisabeth Guigou.

Le discussioni dei ministri si sono incentrate sullo sviluppo economico inclusivo, condiviso e sostenibile, sull’occupazione giovanile e sulle migrazioni. Gli ultimi sviluppi in Libia, Sahel, Siria, Iraq e Medio Oriente, così come il terrorismo e la lotta alla radicalizzazione sono stati all’ordine del giorno.

Il Ministro Abela ha affermato che il 5+5, per Malta, è un forum importante per il dialogo e la collaborazione tra i governi nazionali, in quanto fornisce una piattaforma concreta per lo scambio delle migliori pratiche, attraverso le quali è possibile condividere le esperienze nell’affrontare le future sfide socio-economiche. Evidenziando l’assistenza allo sviluppo e l’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite come strumenti importanti per ridurre le disparità socioeconomiche, ha aggiunto, che l’attuazione dell’agenda 2030 avrà maggior successo se terrà conto del contesto locale e regionale e delle caratteristiche culturali che sono particolari alla regione mediterranea e nei singoli paesi.

Malta sta lavorando seriamente per il raggiungimento dell’Agenda 2030, ha dichiarato il ministro Abela. I progressi sono già stati raggiunti in diversi settori, in particolare quelli riguardanti il ​​settore marittimo, in cui il governo ha fissato obiettivi ambiziosi che vanno al di là degli obblighi internazionali e dell’UE di Malta.

A margine della Conferenza ministeriale, ci sono stati anche incontri con una delegazione della Camera di commercio di Algeri, guidata dal presidente Laid Benamour.

info autore

Redazione