L’unità Informazione e Ricerca di MGA (Malta Gaming Authority) ha pubblicato i risultati di un sondaggio condotto tra gli operatori con licenza a Malta, con l’obiettivo di comprendere la necessità di nuove risorse e competenze per il settore.

Nel presentare i risultati, Peter Spiteri, Chief Executive Officer of Finance & Program Management, responsabile dell’unità Information & Research, ha dichiarato: “Siamo lieti di pubblicare il secondo studio sulle competenze che riguarda l’industria del gioco online al fine di far luce sull’attuale stato di avanzamento del capitale umano. Dati recenti pubblicati da MGA attraverso il suo Rapporto di rendimento intermedio indicano che il 69% dei dipendenti nel settore dei giochi online è non maltese, evidenziando la necessità per i lavoratori di sostenere la domanda sempre crescente del settore. Pur riconoscendo che importanti traguardi sono stati raggiunti attraverso l’istituzione dell’European Gaming Institute di Malta e dell’iniziativa Gaming Malta Student Placement Program, lo studio indica che esiste un potenziale significativo per il sistema educativo locale di contribuire ad affrontare la ricerca  continua del settore di  una forza lavoro qualificata.

Per conoscere le opportunità di investimento nel gaming a Malta contatta gli uffici di Malta Business Agency compilando il seguente form:

 

Veniamo quindi ai risultati del sondaggio, che riflette le risposte ricevute da 238 singoli intervistati (aziende) esamina le dimensioni, la natura e le cause della mancata copertura di posti non occupati, le strategie di reclutamento degli intervistati, le attività di formazione e sviluppo, nonché l’offerta educativa nel settore dei giochi online a Malta.

  • Alla fine del 2018, le società di gioco online di Malta hanno segnalato 730 posizioni non occupate;
  • Il 68% dei posti vacanti non occupati è principalmente a livello operativo;
  • La maggior parte (69%) dei posti vacanti è rimasta vuota per non più di tre mesi;
  • La mancanza di esperienza lavorativa (28%), la concorrenza di altre imprese (27%) e la mancanza di qualifiche (21%) sono le ragioni principali delle offerte di lavoro rimaste non occupate;
  • Secondo i risultati dell’indagine, oltre un terzo degli operatori recluta personale impiegato da altre aziende del settore;
  • Il 35% delle imprese svolge attività di formazione interna o tutoraggio al fine di affrontare la carenza di competenze;
  • Il reclutamento di risorse immediatamente dopo il completamento della loro istruzione  è stato segnalato dal 9% delle imprese intervistate, a conferma del ruolo potenzialmente più forte che potrebbe essere svolto dagli istituti di istruzione;
  • Sono stati compiuti numerosi sforzi politici per garantire che i corsi di formazione siano in linea con le esigenze del settore. Nel 2017, l’European Gaming Institute of Malta (EGIM) è stato avviato a seguito di un accordo firmato tra MGA e Malta College of Arts, Science and Technology (MCAST). Nel 2018, 56 studenti hanno richiesto il Diploma iGaming presso MCAST e altri 43 si sono iscritti tra gennaio e metà novembre 2019;
  • A metà novembre 2019, 58 studenti si sono iscritti al premio nel corso iGaming presso la iGaming Academy – in collaborazione congiunta tra MCAST ed EGIM;
  • Nel 2019, 21 studenti sono stati selezionati e abbinati a sette compagnie attraverso il Gaming Malta’s Student Placement Program, un’iniziativa che mira a ridurre il divario che esiste tra l’offerta e la domanda di risorse nel mercato del lavoro maltese;
  • La maggior parte delle aziende intervistate ha espresso soddisfazione per le offerte di formazione a Malta; tuttavia, tra il 15% e il 20% degli intervistati ha indicato che occorre fare di più per quanto riguarda la disponibilità, la qualità e il rapporto qualità-prezzo delle opportunità di formazione a Malta.

Scarica il sondaggio completo attraverso questo link.