Un “corridoio protetto” tra Sicilia e Malta, in entrambe le direzioni, per premere sulla fase 2 e favorire la ripresa economica delle rispettive isole: la proposta arriva da un gruppo di operatori economici, che lanciano un appello alle istituzioni nel tentativo di una pronta ripartenza e di un rilancio del turismo.

Come riportano alcuni quotidiani siciliani, secondo i proponenti tutto andrebbe fatto in piena sicurezza, nel più totale rispetto delle norme e con l’obiettivo primario della salute collettiva.

La proposta include la consapevolezza che Sicilia e Malta, in quanto isole, sono facili da controllare e, anche per questo, hanno fatto registrare il numero più contenuto di contagi e di perone decedute rispetto alle altre regioni d’Italia e a livello globale.

Il “corridoio sicuro”, nell’auspicio degli operatori commerciali, potrebbe garantire benefici reciproci al settore turistico e al commercio di entrambe le parti in vista della stagione estiva, e avrebbe come elemento chiave il catamarano che collega ogni giorno l’isola del Cavalieri al porto di Pozzallo, un mezzo tra i più grandi al mondo che permetterebbe ai passeggeri di viaggiare con le dovute distanze e la necessaria comodità.

Il catamarano Pozzallo-Malta arriva sino a 900 posti, che potranno assicurare, occupandone la metà, una distanza tra i passeggeri di almeno 5 metri. E la totale sicurezza nel raggiungere Malta sarebbe garantita da un continuo lavoro di sanificazione dei mezzi marini, con elevati standard d’igienizzazione che saranno confermati anche nei rispettivi approdi. La parola passa ora alle istituzioni.