A una settimana dalla conclusione del Delta Summit 2019 è tempo di tirare le somme su un’edizione che sarà ricordata per il lancio ufficiale della strategia nazionale sull’intelligenza artificiale.

Nel corso del vertice è stato presentato un documento dal titolo “Malta the Ultimate AI Launchpad: A Strategy and Vision for Artificial Intelligence in Malta 2030“: dopo la blockchain si attende quindi una nuova ondata di innovazione in grado di produrre benefici e ricchezza in vari settori della società maltese.

E proprio di intelligenza artificiale, alla vigilia del Delta Summit, abbiamo parlato con la speaker e massima esperta Jackie Mallia: leggi qui l’intervista esclusiva di Malta Business.

Tornando al resoconto del summit, il primo ministro Jospeh Muscat, nell’aprire i lavori, ha sottolineato come il vertice di quest’anno abbia più che raddoppiato le proprie dimensioni, passando a 10.000 persone registrate dalle 4.500 dello scorso anno.

Questo vertice è una delle migliori opportunità che abbiamo per mostrare i nostri progressi, i nostri risultati e la nostra dedizione allo sviluppo dei principali settori della tecnologia emergente” ha affermato Muscat, evidenziando i passi da gigante fatti da Malta rispetto ad altri paesi in quanto a riforme legislative ambiziose.

Muscat ha confermato che il lavoro del governo si sta ora spostando verso i settori AI e E-sport: “Con la nuova strategia siamo impegnati a realizzare progetti pilota in settori prioritari come istruzione, assistenza sanitaria, trasporti e relazioni con i clienti. Già oggi incrociamo l’IA quasi quotidianamente, dagli algoritmi utilizzati per la selezione delle notizie da consultare online all’utilizzo dei motori di ricerca”.