Nel 2020 Malta si è classificata al 5° posto su 28 paesi dell’Unione Europea nella classifica DESI (Digital Economy and Society Index), l’indice che monitora le prestazioni digitali di ogni Paese e fornisce l’istantanea europea generale in materia di Economia Digitale.

L’arcipelago del Mediterraneo si è piazzato davanti a Paesi molto forti, con risorse considerevoli da investire nel settore, come Irlanda, Estonia, Regno Unito, Belgio, Lussemburgo, Spagna e molti altri. Prima di Malta si sono piazzati invece Finlandia, Svezia, Danimarca e Paesi Bassi.

L’indice DESI è aggiornato annualmente e ottimizzato nei suoi contenuti tematici che includono Connettività, Capitale Umano, Uso di Internet, Integrazione della tecnologia digitale e Servizi Pubblici Digitali. Analizziamo brevemente i singoli elementi.

Connettività
Malta ha guadagnato sette posti a partire dal 2019, classificandosi al decimo posto nel 2020 rispetto al diciassettesimo del 2019. Con il 100% delle famiglie coperte con reti NGA e VHC, l’adozione della banda larga fissa dell’84% e miglioramenti nelle connessioni a banda larga a 100 Mbps, Malta può farsi vanto di offrire alla società e al mondo delle imprese uno dei migliori sistemi di connessione in Europa. Di grande interesse, per il futuro, risulta l’investimento su un cavo sottomarino che collegherà Malta a Marsiglia e all’Egitto, riducendo così la dipendenza dall’Italia per le connessioni.

Capitale umano
Le risorse umane sono uno dei temi più importanti per tutti i fornitori di tecnologia e i consumatori. Malta è salita di tre posti dal 9° posto nel 2019 al 6° posto nel 2020. Sono stati ottenuti punteggi elevati in molte aree. Il 38% delle persone a Malta ha competenze digitali di base superiori alla media UE, del 33%. I laureati in ICT sono aumentati in modo significativo, raggiungendo il 7,9% di tutti i laureati, mentre la forza lavoro è composta per il 4,8% da specialisti ICT, una percentuale superiore alla media UE del 3,9%. Sono stati compiuti progressi anche nel settore digitale, dove il 2,1% delle donne specializzate in TIC fa parte della forza lavoro femminile, rispetto alla media UE dell’1,4%.

Utilizzo di Internet
Malta si è piazzata al 6° posto nella classifica DESI, con un solo posto in più rispetto all’anno scorso. Malta ha ottenuto un buon punteggio, con l’85% della popolazione che usa internet. L’82% dei maltesi legge notizie online, contro il 72% della media UE; l’88% utilizza il web per giochi e musica, contro l’81% della media UE; il 48% usa il web per i video on demand, contro il 31% della media UE. E ancora: le videochiamate sono al 64% (60% la media UE), i social network all’82% (65% la media UE), le vendite online al 35% (23% la media UE). Malta è migliorata anche rispetto al numero di persone che frequentano un corso online, con il 13% contro l’11% della media UE. Sorprendentemente, Malta non ha ottenuto buoni risultati negli acquisti online con il 67% della popolazione contro il 71% della media UE, il settore bancario con il 63% degli utenti di internet contro il 66% della media UE.

Integrazione della tecnologia digitale
Al 7° posto, Malta si è classificata all’interno dell’uso delle tecnologie digitali da parte delle imprese. L’analisi dei grandi dati è utilizzata dal 24% delle imprese, la più alta dell’UE. E il 43% delle imprese utilizza i social media contro il 25% dell’UE. Nel commercio elettronico, il 23% delle PMI vende online, mentre il commercio elettronico rappresenta il 6% del fatturato totale delle PMI. Malta è leggermente al di sopra della media UE anche nelle vendite transfrontaliere.

Servizi pubblici digitali
Malta ha ottenuto il 100% per la fornitura di moduli precompilati e il 90% per il completamento del servizio online. Tuttavia, l’adozione dei servizi di eGovernment è ancora bassa, con il 57% degli utenti di Internet contro il 67% della media UE. Il Paese ha anche ottenuto un buon punteggio per i servizi pubblici digitali per le imprese con un punteggio del 94% contro l’88% della media UE. Ci sono invece margini di miglioramento sugli Open Data.