venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_img
HomeFiscalitàLavoro part-time a Malta. Linee guida sulla tassazione 2023

Lavoro part-time a Malta. Linee guida sulla tassazione 2023

Guida completa lavoro part-time: benefici fiscali, aliquote ridotte, obblighi dei datori di lavoro e scadenze per modelli TA22 e TA23.

Il Regolamento del Lavoro Part-Time (SL 123.39) stabilisce che possono beneficiare delle regole sul part-time solo le persone residenti a Malta che, durante l’anno precedente, avevano un lavoro a tempo pieno, una pensione tassabile a Malta o erano studenti a tempo pieno o apprendisti. Il lavoro part-time deve essere svolto per un datore di lavoro diverso da quello a tempo pieno e non può superare una media di 30 ore settimanali.

Per i lavoratori autonomi a tempo parziale, è necessario essere iscritti a Jobsplus, non impiegare più di due dipendenti part-time, tenere libri contabili regolari e, se applicabile, essere registrati per l’IVA. I lavoratori dipendenti part-time devono essere registrati presso Jobsplus e lavorare per un’organizzazione diversa da quella a tempo pieno.

Le persone sposate che presentano dichiarazioni dei redditi congiunte possono beneficiare delle regole sul part-time anche se solo uno dei coniugi lavora a tempo pieno, è pensionato o studente/apprendista. Tuttavia, questo beneficio non si applica se i coniugi presentano dichiarazioni dei redditi separate o se il lavoratore part-time riceve reddito da un datore di lavoro correlato all’occupazione principale.

Cosa accade se il datore di lavoro è lo stesso del lavoro a tempo pieno

Per beneficiare delle regole del lavoro a tempo parziale, il lavoro part-time deve essere svolto presso un datore di lavoro diverso da quello a tempo pieno. Se il lavoro a tempo parziale viene svolto presso lo stesso datore di lavoro o presso un’altra società dello stesso gruppo di imprese, il reddito ottenuto sarà tassato alle normali aliquote progressive e non all’aliquota ridotta del 10%. Le società con una partecipazione diretta o indiretta superiore al 50% dagli stessi soci sono considerate un unico datore di lavoro.

Tuttavia, nel caso del governo, un dipendente può lavorare part-time per un altro dipartimento o ente governativo e comunque qualificarsi secondo le regole del part-time, poiché queste entità vengono considerate come datori di lavoro distinti.

Le aliquote fiscali nel lavoro part-time

Le regole del lavoro a tempo parziale si applicano esclusivamente al reddito da lavoro autonomo part-time (articolo 4, paragrafo 1, lettera a) e lavoro dipendente part-time (articolo 4, paragrafo 1, lettera b). A partire dal 1° gennaio 2022, il reddito part-time fino a 10.000 euro per i dipendenti e 12.000 euro per i lavoratori autonomi è tassato al 10%. Per le coppie sposate, entrambi i coniugi possono beneficiare di questa aliquota ridotta, a condizione che soddisfino i requisiti per il lavoro part-time.

Il reddito part-time guadagnato prima del 1° gennaio 2022 è tassabile al 15%, con le stesse soglie di reddito. È possibile beneficiare dell’aliquota fiscale ridotta del 10% anche con più fonti di reddito part-time, purché l’importo totale percepito nell’anno non superi le soglie stabilite. I contribuenti possono anche avere redditi sia da lavoro dipendente part-time che autonomo part-time e beneficiare dell’aliquota ridotta.

Infine, i contribuenti che beneficiano delle regole del lavoro a tempo parziale non sono tenuti a versare contributi previdenziali su tale reddito aggiuntivo.

Moduli fiscali part-time

I contribuenti che intendono beneficiare dell’aliquota fiscale ridotta sul lavoro a tempo parziale devono dichiarare tutti i redditi nelle rispettive forme di lavoro a tempo parziale.

  1. Lavoro a tempo parziale

Le persone che lavorano a tempo parziale sono solitamente soggette alla ritenuta alla fonte tramite il sistema FSS. Se la ritenuta alla fonte viene applicata e i contribuenti ricevono un reddito annuale non superiore a 10.000 euro, con una corretta detrazione del 10% sul reddito lordo effettuata dal datore di lavoro, non è necessario presentare una dichiarazione dei redditi.

Tuttavia, i contribuenti che hanno scelto di non applicare la ritenuta alla fonte da parte del datore di lavoro devono compilare il modulo online TA23. È importante che i contribuenti forniscano i dettagli corretti riguardanti il loro impiego, incluso il numero PE del datore di lavoro. Inoltre, i contribuenti possono richiedere eventuali ritenute alla fonte.

2. Lavoro autonomo a tempo parziale

I lavoratori autonomi part-time sono tenuti a compilare il modulo online TA22. È importante che i contribuenti forniscano i dettagli del loro fatturato totale e delle spese sostenute esclusivamente per la produzione del reddito. Le tasse da versare corrispondono al 10% dell’utile netto ottenuto nell’anno da lavoro autonomo part-time, fino a un massimo annuo di 1.200 euro (10% di 12.000 euro). I redditi derivanti dal lavoro part-time non devono essere inclusi nella dichiarazione dei redditi annuale, poiché non sono soggetti a ulteriori imposte.

Pagamento delle tasse

Una volta che i moduli di cui sopra sono stati completati, il contribuente può procedere al pagamento delle imposte tramite il Government Payment Gateway. In alternativa, il contribuente può prendere nota del numero di riferimento del pagamento fornito e regolare il pagamento tramite Internet Banking.

Dichiarazione dei redditi Dichiarazione dei redditi part-time

1. Lavoro a tempo parziale

Il reddito da lavoro part-time qualificante fino a un massimo di €10.000, tassato al 10%, non deve essere incluso nella dichiarazione dei redditi, a meno che non sia necessario richiedere un rimborso per l’imposta già pagata. Il reddito lordo part-time va dichiarato nella casella 1 della dichiarazione dei redditi e l’eccesso d’imposta trattenuta con il sistema FSS va indicato nella casella 35 a pagina 3. Una copia dell’FS3 deve essere allegata per contestare validamente l’imposta. L’eccesso pagato verrà rimborsato.

È importante informare il datore di lavoro tramite un modulo FS4 nel caso in cui il reddito totale, incluso quello part-time, non sia imponibile. Se la situazione cambia e il contribuente diventa imponibile, occorre compilare un nuovo FS4 per la ritenuta del 10%.

Se un contribuente guadagna oltre €10.000 da lavoro part-time o il reddito non rientra nelle regole del part-time, l’eccedenza va dichiarata nella dichiarazione dei redditi, indicando il reddito lordo nella casella 1.

2. Lavoratore autonomo part-time

L’utile netto del lavoro autonomo part-time fino a €12.000, qualificato secondo le regole del part-time e tassato al 10%, non deve essere incluso nella dichiarazione dei redditi. Utili superiori a €12.000 o non qualificati secondo le regole del part-time devono essere dichiarati nella dichiarazione dei redditi, indicando l’eccedenza nella casella 2.

I contribuenti autonomi che subiscono perdite possono portarle a nuovo solo se dichiarate nella loro dichiarazione dei redditi, nella casella 2 a pagina 2. Le perdite possono essere riportate indefinitamente e vanno dichiarate nella casella 21 a pagina 3 negli anni successivi. Le perdite possono essere compensate con futuri utili da lavoro part-time, lavoro autonomo a tempo pieno o altri redditi da lavoro dipendente.

Quando non si può beneficiare delle regole del part-time

In alcuni casi, i redditi da lavoro a tempo parziale non possono beneficiare delle norme sul lavoro a tempo parziale e dell’aliquota d’imposta ridotta del 10%. Tra questi:

  1. Retribuzioni del governo ai titolari di cariche pubbliche, membri di organi o tribunali e rappresentanti parlamentari o locali.
  2. Compensi per componenti del consiglio di amministrazione di società o enti pubblici.

Sono esclusi i compensi agli agenti di polizia per lavoro straordinario non rientrante nelle normali mansioni. Se l’Assessore alle Entrate ritiene che un’attività non sia effettivamente svolta a tempo parziale, essa non beneficerà delle disposizioni sul part-time, anche se le tasse sono state pagate al 10%.

Obblighi dei datori di lavoro

L’assunzione di personale a tempo parziale implica obblighi di conformità per i datori di lavoro. Essi devono richiedere ai nuovi assunti o a chi cambia posizione fiscale di compilare il modulo FS4, che fornisce dettagli sul contribuente e lo stato fiscale. I lavoratori a tempo parziale devono completare la Parte C del modulo e indicare l’opzione per la ritenuta alla fonte.

Il datore di lavoro deve conservare copia del FS4 e versare mensilmente all’Agenzia delle Entrate l’imposta trattenuta. La ritenuta del 10% deve essere indicata separatamente sui moduli FS3, FS5 e FS7.

I contribuenti possono chiedere ai datori di lavoro di trattenere più tasse o versare direttamente la differenza all’Agenzia delle Entrate tramite il modulo TA23 se ritengono che sarebbe stato più conveniente iniziare la ritenuta prima.

Scadenza per la presentazione modelli

Le imposte sui redditi da lavoro part-time devono essere versate tramite i modelli TA22 e TA23 entro il 30 aprile dell’anno successivo alla maturazione del reddito. La scadenza per il modello TA23 è il 21 dicembre dell’anno successivo al reddito percepito, mentre per la vendita di prodotti agricoli, la scadenza si estende al 30 giugno. Le imposte trattenute alla fonte dai datori di lavoro devono rispettare il sistema FSS, con pagamenti effettuati entro il 15 febbraio dell’anno successivo all’assunzione del dipendente.

Fonte: cfr.gov.mt

DISCLAIMER

Questo articolo fornisce solo informazioni generali e non sostituisce in alcun modo la consulenza professionale. Si raccomanda di consultare un professionista qualificato prima di prendere qualsiasi decisione importante in merito a questioni finanziarie, legali o di altro tipo. L'autore e la pubblicazione non sono responsabili per eventuali errori o danni causati dall'utilizzo delle informazioni contenute in questo articolo.

Sergio Passariello
Sergio Passariello
Fondatore della rete "Malta Business", una rete di consulenza, sviluppo e organizzazione aziendale a Malta nonchè CEO di Euromed International Trade che si occupa internazionalizzazione del business e sviluppo commerciale. CEO dell'Accademia Mediterranea di Cultura, Tecnologia e Commercio con sede a Malta, istituto di istruzione superiore autorizzato da MFHEA. Fondatore del CETA BUSINESS FORUM e del CETA BUSINESS NETWORK, il primo ecosistema digitale imprenditoriale per valorizzare i rapporti tra Europa e Canada.
Siamo membrispot_img
spot_img

Programma Interreg Italia-Malta 2021-2027: una nuova era di cooperazione transfrontaliera

La nuova iniziativa Interreg cruciale per lo sviluppo socio-economico nel cuore del Mediterraneo, per promuovere innovazione, sostenibilità ambientale e ricchezza culturale.

Horizon Europe: Nuovi Bandi da Oltre 290 Milioni di Euro per Innovazione Digitale e Spaziale

La Commissione Europea lancia i bandi Horizon Europe con un budget di oltre €290 milioni per promuovere l'innovazione digitale, spaziale e industriale.

Bando Europa Creativa 2024: Finanziamenti per Progetti Culturali Transnazionali

Aperto il bando Europa Creativa 2024, offre finanziamenti a progetti culturali transnazionali con un focus su innovazione, inclusione sociale e digitalizzazione. Scadenza: 23 gennaio 2024.

speciale finanziamenti
Scopri le novità nella sezione dedicata