giovedì, Giugno 20, 2024
spot_imgspot_img
HomeFiscalitàCripto-assets: nuove norme dell'UE per rintracciare i trasferimenti, prevenire il riciclaggio di...

Cripto-assets: nuove norme dell’UE per rintracciare i trasferimenti, prevenire il riciclaggio di denaro e proteggere i clienti

Il Parlamento europeo ha approvato le prime norme dell’Unione europea (UE) per tracciare i trasferimenti di cripto-assets, prevenire il riciclaggio di denaro e attuare norme comuni per la vigilanza e la protezione dei clienti.

Con 529 voti a favore, 29 contrari e 14 astensioni, la nuova legge cerca di garantire che i trasferimenti crittografici, come qualsiasi altra operazione finanziaria, possano essere rintracciati e le transazioni sospette bloccate. Questa legislazione innovativa mira ad aumentare la trasparenza e la responsabilità nel settore delle criptovalute, affrontando le preoccupazioni che da tempo esistono rispetto all’anonimato e l’opacità delle valute digitali.

Le nuove norme, concordate provvisoriamente dai negoziatori del Parlamento e del Consiglio nel giugno 2022, applicheranno la cosiddetta “regola di viaggio”, già utilizzata nella finanza tradizionale, ai trasferimenti di Cripto-assets.

Questo significa che le informazioni sulla fonte del bene e sul suo beneficiario devono “viaggiare” con la transazione ed essere memorizzate su entrambi i lati del trasferimento, rendendo più facile rintracciare attività sospette.

La legge copre anche le transazioni superiori a € 1000 da portafogli self-hosted, indirizzi di portafogli di cripto-asset di utenti privati, quando interagiscono con portafogli ospitati e gestiti da fornitori di servizi di Cripto-assets. Le norme, tuttavia, non si applicano ai trasferimenti da persona a persona effettuati senza un fornitore o tra fornitori che agiscono per proprio conto.

Il Parlamento europeo ha inoltre dato il via libera definitivo, con 517 voti a favore, a nuove norme comuni in materia di vigilanza, protezione dei consumatori e salvaguardia ambientale delle Cripto-assets, comprese le criptovalute (MiCA). Il progetto di legge, concordato informalmente con il Consiglio nel giugno 2022, include salvaguardie contro la manipolazione del mercato e la criminalità finanziaria.

L’impatto del MICA sui cripto-assets

MiCA coprirà le Cripto-assets che non sono regolate dalla legislazione esistente sui servizi finanziari. Le disposizioni chiave per coloro che emettono e negoziano cripto-attività, compresi i token di riferimento delle attività e i token di moneta elettronica, riguardano la trasparenza, la divulgazione, l’autorizzazione e la supervisione delle transazioni. I consumatori saranno meglio informati sui rischi, i costi e gli oneri connessi alle loro operazioni. Inoltre, il nuovo quadro giuridico sosterrà l’integrità del mercato e la stabilità finanziaria regolando le offerte pubbliche di Cripto-assets.

Il testo concordato comprende anche misure contro la manipolazione del mercato e per prevenire il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e altre attività criminali. Per contrastare i rischi di riciclaggio, l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) dovrebbe istituire un registro pubblico per i prestatori di servizi di Cripto-assets non conformi, che operano nell’Unione europea senza autorizzazione. Anche per ridurre l’elevata impronta di carbonio che generano le criptovalute, i fornitori di servizi più importanti dovranno dichiarare il loro consumo energetico.

Secondo Stefan Berger, eurodeputato principale per il regolamento MiCA, questa legge pone l’UE in prima linea nell’economia dei token con 10.000 diversi cripto-assets. I consumatori saranno protetti dall’inganno e dalle frodi e il settore, che è stato danneggiato dal crollo dell’FTX, potrà riconquistare la fiducia.

I consumatori avranno tutte le informazioni di cui hanno bisogno e tutti i rischi sottostanti relativi alle Cripto-assets dovranno essere monitorati. L’industria europea delle cripto-attività oggi ha una chiarezza normativa che non esiste in paesi come gli Stati Uniti.

Ernest Urtasun, correlatore della commissione per i problemi economici e monetari sui trasferimenti di cripto-assets, ha sottolineato che i flussi illeciti sono attualmente spostati rapidamente in tutto il mondo, con un’alta probabilità di non essere mai rilevati.

Queste norme obbligheranno i fornitori di servizi di cripto-asset a rilevare e fermare i flussi criminali di criptovalute e tutte le categorie di cripto-società saranno soggette all’intera serie di obblighi antiriciclaggio.

Queste procedure colmeranno una grave lacuna nel quadro antiriciclaggio europeo e implementeranno la legislazione sulle regole più ambiziosa al mondo finora, nel pieno rispetto degli standard internazionali.

Intanto, Assita Kanko, co-relatrice per la commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, ha dichiarato che il Parlamento e il Consiglio hanno trovato un compromesso equo che renderà più sicuro per i cittadini detenere e scambiare cripto-assets. Sebbene ci saranno alcuni oneri amministrativi per le cripto-società e gli startupper, la nuova legislazione unificherà il mercato europeo attualmente frammentato che ha 27 regimi normativi, che dovrebbero compensare eventuali costi.

Norme UE sui cripto-assets: Un significativo passo in avanti per la regolamentazione, ma le preoccupazioni rimangono”.

Nel complesso, queste nuove norme dell’UE sulla tracciabilità dei trasferimenti di cripto-assets, sulla prevenzione del riciclaggio di denaro e sull’attuazione di norme comuni in materia di vigilanza e protezione dei clienti rappresentano un significativo passo avanti per la regolamentazione del settore delle valute digitali. Con la crescente popolarità delle cripto-attività e il crescente numero di transazioni che coinvolgono queste valute digitali, vi è una pressante necessità di garantire che il settore sia trasparente, responsabile e sicuro per investitori e consumatori.

Inoltre, è probabile che l’attuazione di queste regole abbia conseguenze di vasta portata al di fuori dell’Europa, poiché anche altri paesi e giurisdizioni potrebbero adottare misure simili per regolamentare il settore delle criptovalute. Ciò contribuirebbe ad un approccio più armonizzato e coordinato alla regolamentazione delle valute digitali a livello globale.

Tuttavia, mentre queste nuove regole sono senza dubbio uno sviluppo positivo per l’industria delle cripto-attività, ci sono ancora alcune preoccupazioni che devono essere affrontate. Ad esempio, vi sono preoccupazioni circa il potenziale impatto sull’innovazione e sulla concorrenza nel settore, nonché il potenziale di conseguenze indesiderate, come spingere le transazioni clandestine o spingere gli utenti verso piattaforme alternative meno regolamentate.

Per mitigare queste preoccupazioni, è essenziale che i responsabili politici si impegnino in un dialogo continuo con le parti interessate nel settore delle criptovalute per garantire che le norme siano proporzionate, efficaci e riflettano le esigenze e le realtà del settore. Inoltre, è importante mantenere un approccio flessibile e adattabile alla regolamentazione che possa evolvere in linea con i progressi tecnologici e le mutevoli condizioni del mercato.

Con l’approvazione di queste prime norme dell’UE per tracciare i trasferimenti di cripto-attività, prevenire il riciclaggio di denaro e attuare norme comuni in materia di vigilanza e protezione dei clienti rappresenta una pietra miliare significativa per la regolamentazione del settore delle valute digitali.

Sebbene vi siano ancora alcune preoccupazioni che devono essere affrontate, queste norme rappresentano un importante passo avanti nel garantire che il settore sia trasparente, responsabile e sicuro per investitori e consumatori. Con la crescente popolarità delle cripto-attività e il crescente numero di transazioni che coinvolgono queste valute digitali, è fondamentale che i responsabili politici continuino a impegnarsi in un dialogo continuo con le parti interessate del settore per garantire che le regole siano proporzionate, efficaci e riflettano le esigenze e le realtà del settore.

DISCLAIMER

Questo articolo fornisce solo informazioni generali e non sostituisce in alcun modo la consulenza professionale. Si raccomanda di consultare un professionista qualificato prima di prendere qualsiasi decisione importante in merito a questioni finanziarie, legali o di altro tipo. L'autore e la pubblicazione non sono responsabili per eventuali errori o danni causati dall'utilizzo delle informazioni contenute in questo articolo.

Siamo membrispot_img
spot_img

Programma Interreg Italia-Malta 2021-2027: una nuova era di cooperazione transfrontaliera

La nuova iniziativa Interreg cruciale per lo sviluppo socio-economico nel cuore del Mediterraneo, per promuovere innovazione, sostenibilità ambientale e ricchezza culturale.

Horizon Europe: Nuovi Bandi da Oltre 290 Milioni di Euro per Innovazione Digitale e Spaziale

La Commissione Europea lancia i bandi Horizon Europe con un budget di oltre €290 milioni per promuovere l'innovazione digitale, spaziale e industriale.

Bando Europa Creativa 2024: Finanziamenti per Progetti Culturali Transnazionali

Aperto il bando Europa Creativa 2024, offre finanziamenti a progetti culturali transnazionali con un focus su innovazione, inclusione sociale e digitalizzazione. Scadenza: 23 gennaio 2024.

speciale finanziamenti
Scopri le novità nella sezione dedicata