Fiscalità

Successo per il Cannabiz Summit, ora tocca all’AIBC

Redazione
Scritto da Redazione

Diversi volti noti nel mondo della ricerca sulla cannabis hanno preso parte a conferenze e seminari che hanno riscosso l’attenzione del pubblico.

Condividi l'articolo

Si è conclusa con successo la prima edizione del Medical Cannabiz World Summit di Malta, che in due giorni ha chiamato a raccolta 1500 delegati da tutto il mondo: tra di loro investitori, attivisti, medici, ricercatori e aziende per una conferenza settoriale che sarà ricordata a lungo

Nel corso dell’evento una serie di volti noti nel mondo della ricerca sulla cannabis hanno preso parte a conferenze e seminari frequentati in gran numero e con interesse dei delegati, e che si sono caratterizzati per argomentazioni di qualità che hanno spaziato dalle tasse agli investimenti, fino alle sfide normative e legislative che l’industria deve affrontare. E negli interventi non sono mancati importanti appelli o spunti di interesse e riflessione, anche con toni sarcastici e critici verso coloro che, alle soglie del 2020, continuano a vedere la cannabis come un tabù anche in campo medico.

Hannah Deacon, Direttore esecutivo della Medical Cannabis Clinicians Society, ha tuonato: “Molti vogliono impedire ai sistemi sanitari nazionali di accedere alla cannabis terapeutica perché c’è tanta paura. Le persone che non hanno idea di cosa stiano parlando e consigliano ai medici di non prescrivere farmaci a base di cannabis“.

Investire è come essere vegani: alcune persone sono vegane perché pensano che sia salutare, altre perché non condividono il modo in cui gli animali vengono trattati, e altri semplicemente perché vogliono infastidire tutti gli altri. Diverse persone investono per diversi motivi” ha affermato il Dott. Alex Cahana, Responsabile della consulenza sanitaria per Genesis Block.

Abbiamo bisogno di istruzione, accessibilità, migliori linee guida e meno restrizioni per i medici” ha aggiunto il Prof. Mike Barnes, Chief Medical Officer per Lyph Group.

Grande attenzione è stata dedicata anche al legame tra il mondo della cannabis medica e le nuove tecnologie, compresa la blockchain: “Viviamo nei tempi digitali e creiamo economie digitali, quindi qualsiasi tipo di attività tu abbia, devi progettarla sulla base della tecnologia e creare un modello di business che sfrutti la tecnologia a tuo vantaggio” ha sostenuto Felix Mago ,Co-fondatore di Dash Next.

E a proposito di nuove tecnologie, da domani, giovedì 7 Novembre, il testimone passa all’AIBC Summit, organizzato sempre da Sigma presso l’Intercontinental Hotel di St. Julian’s. E Malta Business, naturalmente, non mancherà!

Condividi l'articolo

info autore

Redazione

Redazione