Si pensa alla formazione dopo i segnali estremamente positivi per il mondo della blockchain a Malta alla fine del primo quadrimestre del 2019: beneficiando del trasferimento presso l’isola di numerosi exchange, nel campo delle criptovalute il volume degli scambi ha segnato un incremento del 56% rispetto al precedente mese di febbraio.

Le buone notizie sono arrivate dal recente AIBC Summit 2019, uno degli eventi più importanti d’Europa dedicati alla tecnologia Blockchain che il 7 e 8 Novembre ha accolto più di 6mila delegati e ospiti tra i più attivi e in vista nel settore, realizzando un importante momento di scambio e incontro.

Ma al di là dei numeri e del lavoro che abbiamo seguito passo dopo passo negli ultimi anni per l’affermazione della Blockchain island, ciò che di importante va sottolineata è la continua evoluzione del mondo blockchain nell’arcipelago per far crescere l’ecosistema.

Uno dei campi più attivi in questo periodo riguarda l’investimento in formazione sulla blockchain che risulta determinante per assicurare la crescita del capitale umano, dal momento che il mercato soffre di una scarsa disponibilità di risorse specializzate, a fronte di un aumento del 26% delle offerte di lavoro registrato nel 2019 a livello globale.

Per questo sul fronte pubblico l’Università di Malta ha lanciato ad ottobre di quest’anno il primo Master in Blockchain e Distributed Ledger Technologies, mentre nel privato la Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade, istituzione partner di Malta Business, ha lanciato due proposta formativa all’altezza grazie a una partnership con il dipartimento di informatica dell’Università di Salerno: si tratta di un corso di alta formazione in Blockchain and IT Innovation Expert un master in Blockchain and IT Innovation Manager.

Entrambe queste iniziative saranno proposte in lingua italiana.