L’Africa non cerca semplici aiuti: vuole lo sviluppo e la crescita del commercio“. Con questo messaggio l’ex ministro degli Affari Esteri e del Commercio Internazionale, Carmelo Abela, si è rivolto all’European Economic and Social Committee, un organo consultivo dell’UE composto da rappresentanti delle organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro che si è riunito lunedì scorso.

Durante il vertice, il ministero e l’organo consultivo dell’UE hanno discusso di aiuti esterni, investimenti e commercio come strumenti per la crescita economica e per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite per il 2030.

Abela ha sottolineato che l’Africa vuole più contatti business-to-business e la condivisione di competenze e conoscenze. Ciò di cui il continente ha bisogno è investire nelle giovani generazioni africane per dotarle di competenze, posti di lavoro e opportunità nella loro patria.

Come Europa serve un approccio positivo e concentrarci sul partenariato alla pari con l’Africa. Questo è il modo migliore per affrontare la questione della migrazione, perché la società civile è una parte importante di questo processo” ha aggiunto Abela.

Le parti in causa hanno concordato sull’importanza che l’Unione Europea dovrebbe riservare al continente africano soprattutto dal punto di vista commerciale.

Malta, in particolare, apprezza il potenziale dell’Africa nel commercio, come dimostra la strategia di partenariato con l’Africa sul commercio, lo sviluppo e la diplomazia lanciata lo scorso anno.

Malta è una base ideale per sviluppare relazione commerciale con i Paesi africani. Per saperne di più contatta gli uffici di Malta Business Agency compilando il seguente form: