Blockchain Focus

I big delle criptovalute verso Malta. Nasce la “The Blockchain Island”

Binance e ed altri grandi scambi di criptovalute nel mercato globale delle valute digitali, potrebbero uscire completamente dall’Asia quest’anno, a causa di politiche ostili al settore.

Binance e Malta

La scorsa settimana, Binance, la più grande piattaforma di trading di valuta digitale con un volume di scambi giornaliero di $ 1,4 miliardi, è in uscita dall’Asia e ha dichiarato che si trasferirà a Malta. Nella sua dichiarazione ufficiale, il team di Binance e il suo amministratore delegato Changpeng Zhao, meglio noto alla comunità come CZ, hanno dichiarato di essere d’accordo sulla politica del governo a lungo termine, e con l’obiettivo di Malta di far evolvere il paese in una “The Blockchain Island”.

CZ ha dichiarato:

“Dopo aver incontrato il segretario parlamentare, Silvio Schembri, siamo rimasti colpiti dalla natura logica, chiara e lungimirante della leadership di Malta. Dopo aver esaminato le proposte di legge che saranno poste in approvazione, siamo convinti che Malta sarà il prossimo fulcro per le società innovative di blockchain e un centro dell’ecosistema blockchain in Europa. Binance si impegna a prestare la nostra esperienza per contribuire a definire un quadro normativo sano e per favorire l’elargizione di fondi per altre startup basate su blockchain per far crescere ulteriormente il settore a Malta “.

LEGGI ANCHE: La prima legislazione blockchain al mondo sarà a Malta

Per adesso, Binance ha chiarito la sua posizione nei confronti della criptovaluta-fiat trading, e ha dichiarato fermamente ai suoi investitori e utenti che i piani per integrare le coppie criptovaluta-fiat non sono nei futuri programmi. Tuttavia, il suo trasferimento a Malta e la potenziale creazione di nuovi partner bancari potrebbero consentire a Binance di aggiungere criptovalute a coppie fiat con facilità, senza incertezza normativa e conflitti con i fornitori di servizi bancari.

Già, Binance ha rivelato i suoi piani per lanciare uno scambio di risorse digitali decentralizzato chiamato Binance Chain. Sebbene l’intero concetto di uno scambio decentralizzato contrasta con lo scopo e rende superflua l’esistenza di scambi centralizzati, l’obiettivo del team Binance, fin dall’inizio è stato quello di fornire ogni servizio che potesse essere adattato a un ampio numero di utenti.

Di conseguenza, data la roadmap dello sviluppo di Binance, è logico che l’azienda passi dal trading di sole criptovalute, a uno scambio decentralizzato, a un trading da criptovaluta a fiat.

Nelle ultime ore altri amministratori delegati di società attive nel mondo delle criptovalute hanno manifestato il loro interesse nei piani del governo, intenzionato a trasformare Malta in una Singapore europea, con un occhio di riguardo per le società che operano nel campo del fintech e della tecnologia blockchain in particolare.

“Blockchain e gli asset digitali sono le fondamenta di un nuovo tipo di economia. Malta dimostra ancora una volta di avere intenzioni serie circa il suo ruolo da pioniere in questo campo. Si tratta di segnali importanti, specialmente in tempi come questi dove il caos regolatorio intorno alle criptovalute ha una grossa incidenza sul mercato”, ha commentato Anatoliy Knyazev di Exante, broker a licenza maltese che ha lanciato il primo fondo in bitcoin nel 2012.

Justin Sun, CEO di Tron, uno dei 30 imprenditori asiatici under 30 da tenere d’occhio secondo Forbes. Tron è un protocollo decentralizzato basato su blockchain molto ambizioso: il suo obiettivo è costruire “un sistema di intrattenimento gratuito in tutto il mondo”, lasciando ai creatori il pieno controllo sui loro contenuti.

TRON sostiene fortemente la grande lungimiranza del Primo Ministro Joseph Muscat e spera di costruire un’Isola Blockchain con il governo di Malta. Stiamo seriamente considerando di investire e operare a Malta nelle prossime settimane dopo l’annuncio del nostro partner strategico Binance”, ha dichiarato Sun.

Di avviso simile si è rivelato sempre Kris Marszalek, CEO di Monaco Card, società dietro a un’App e una carta prepagata che permettono transazioni in moneta Fiat, la divisa governativa stampata dalla banca centrale, a conti in criptovalute. “Stiamo esaminando un investimento a Malta” ha dichiarato Marszalek.

E infine a rendere noto il suo supporto di quello che ha definito come il “blockchain paradise plan” di Malta è stato Lao Mao, CEO della piattaforma di scambio BigONE.

 

info autore

Redazione