venerdì, Giugno 21, 2024
spot_imgspot_img
HomeStart upSei attività economiche da aprire a Malta

Sei attività economiche da aprire a Malta

Malta rappresenta, nello scenario Europeo e Mediterraneo il miglior hub commerciale che si adatta alle esigenze delle PMI Italiane.

Crocevia tra Europa, Nord Africa e Medio Oriente. Malta, che proprio nel 2008 è entrata a far parte dell’Unione economica e monetaria (UEM), ha acquisito un ruolo importante di ponte, tra il Mercato Unico Europeo ed i mercati dei Paesi del bacino del Mediterraneo.

La nostra redazione economica, ha selezionato, per i nostri lettori 6 attività economiche che si prestano, sia in termini economici che burocratici, ad essere aperte a Malta.

1) E-COMMERCE

Infrastrutture digitali, apertura all’innovazione, norme chiare, poca burocrazia e fiscalità agevolata fanno di Malta una base ideale per gestire la propria attività di commercio online.

A rappresentare un punto di forza è la legge sul commercio elettronico (the E-Commerce Act) che regola la validità delle prove elettroniche, dei contratti elettronici, la responsabilità dei fornitori di servizi della società dell’informazione e le firme elettroniche.

L’approfondimento: Ecommerce a Malta. Nuove regole con grandi opportunità

2) BAR – RISTORANTE

Malta è uno dei paesi Europei più convenienti dal punto di vista fiscale, commerciale e burocratico, per aprire un’attività di ristorazione. La sua posizione geografica, il clima mite e mediterraneo, l’afflusso turistico e di business, oltre che una popolazione che ama il cibo, fanno di Malta un luogo ideale.

La legislazione maltese in tema è ben precisa rispetto all’apertura di strutture di ristorazione. Una delle leggi più complete a Malta è proprio quella sui ristoranti, la Subsidiary Legislation  409.15 che regolamenta il commercio di alimenti e bevande.

L’approfondimento: Aprire un bar o un ristorante a Malta

3) LIBERO PROFESSIONISTA

Le piccole attività, anche di start-up a Malta, tendono ad optare per un’organizzazione autonoma, soprattutto per i benefici fiscali.

Mentre una società maltese viene tassata con un’aliquota del 35% sul suo profitto operativo, un lavoratore autonomo viene tassato a tassi individuali, che variano dallo 0% ad un massimo al 35%. Nell’esercizio di un’impresa autonoma non esiste alcuna responsabilità limitata di cui godono ovviamente le Ltd ma di contro le detrazioni di spesa sono molto interessanti.

L’approfondimento: Self Employed – Il lavoro autonomo a Malta

4) SOCIETA’ EDITORIALE

La Costituzione di Malta garantisce il diritto alla libertà di parola e informazione attraverso l’articolo 41. Lo stesso articolo consente a ogni residente maltese di stampare giornali o riviste e pubblicarli quotidianamente o periodicamente. Non esistono requisiti di licenza per gli individui che vogliono avviare una società editoriale a Malta . L’unico requisito è che gli adulti si iscrivono al Registrar di Stampa in Malta per eseguirsi come redattori.

Indipendentemente dal tipo di attività di pubblicazione da istituire, il passo principale è registrare l’azienda con il registro delle imprese maltese . Per le società che effettuano attività di stampa, è necessario selezionare uno dei codici NACE della Nomenclatura delle Attività Economiche.

L’approfondimento: Come creare una società editoriale a Malta

5) FRANCHISING

Nessuna imposta alla fonte sui pagamenti di canoni in uscita e dividendi, a partire dalle royalties: basterebbe solo questo a dimostrare come partire da Malta per avviare un franchising sia sicuramente strategico sul piano fiscale, considerando che le royalties attive e passive generate dal franchising sono tassate a Malta al 35% come parte del reddito d’impresa.

Entrare in un franchising richiede comunque la dovuta attenzione in tutti i processi, a partire da un’analisi dell’idea e da una verifica precisa sui punti di forza e di debolezza del brand.

L’approfondimento: Franchising a Malta, il successo è dietro l’angolo

Franchise business in flat style. Vector illustration

6) BLOCKCHAIN, AI e GAMING

Tre disegni di legge ad hoc approvati nel 2018 hanno trasformato Malta nella “Blockchain Island” che ha attirato l’attenzione di tutto il mondo.

Non a caso nell’isola stanno trovando le migliori condizioni per operare alcuni grandi colossi della nuova tecnologia.

Ma attenzione: l’isola non è attrattiva solo per soggetti facoltosi e consolidati. Gli appassionati del settore possono aprire un’attività in forma di startup per lo scambio di criptovalute o per l’implementazione della tecnologia in vari ambiti di possibile applicazione.

L’approfondimento: Il Governo di Malta approva il disegno di legge su blockchain e criptovalute

Il nostro viaggio su come fare impresa a Malta non finisce qui. Per restare aggiornato continua a seguire il portale Maltabusiness.it, e per richiedere informazioni più dettagliate o ricevere una consulenza ad hoc compila il seguente form:

DISCLAIMER

Questo articolo fornisce solo informazioni generali e non sostituisce in alcun modo la consulenza professionale. Si raccomanda di consultare un professionista qualificato prima di prendere qualsiasi decisione importante in merito a questioni finanziarie, legali o di altro tipo. L'autore e la pubblicazione non sono responsabili per eventuali errori o danni causati dall'utilizzo delle informazioni contenute in questo articolo.

Siamo membrispot_img
spot_img

Programma Interreg Italia-Malta 2021-2027: una nuova era di cooperazione transfrontaliera

La nuova iniziativa Interreg cruciale per lo sviluppo socio-economico nel cuore del Mediterraneo, per promuovere innovazione, sostenibilità ambientale e ricchezza culturale.

Horizon Europe: Nuovi Bandi da Oltre 290 Milioni di Euro per Innovazione Digitale e Spaziale

La Commissione Europea lancia i bandi Horizon Europe con un budget di oltre €290 milioni per promuovere l'innovazione digitale, spaziale e industriale.

Bando Europa Creativa 2024: Finanziamenti per Progetti Culturali Transnazionali

Aperto il bando Europa Creativa 2024, offre finanziamenti a progetti culturali transnazionali con un focus su innovazione, inclusione sociale e digitalizzazione. Scadenza: 23 gennaio 2024.

speciale finanziamenti
Scopri le novità nella sezione dedicata